Home Criptovalute Come funzionano le transazioni Bitcoin

Come funzionano le transazioni Bitcoin

285
1

Come funzionano le transazioni Bitcoin: caratteristiche della tecnologia “blockchain” e peculiarità:

immagine

Versione semplice:


Se voglio inviarti un po’ dei miei bitcoin, pubblico la mia intenzione e i nodi scansionano l’intera rete bitcoin per convalidare che 1) ho i bitcoin necessari da inviare 2) non li ho già inviati a qualcun’altro. Una volta confermate tali informazioni, la mia transazione viene inclusa in un “blocco” (block) che viene attaccato al blocco precedente, da cui il termine “blockchain” (catena di blocchi). Le transazioni non possono essere annullate o manomesse, perché significherebbe dover modificare OGNI blocco.


un po’ più complesso:


Il mio portafoglio bitcoin in realtà non contiene i miei bitcoin. Quello che fa è mantenere il mio indirizzo bitcoin, che tiene traccia di tutte le mie transazioni e quindi del mio saldo. Questo indirizzo – una lunga stringa di 34 lettere e numeri – è anche conosciuto come la “chiave pubblica”. Non è un problema se anche il mondo intero può vedere questa sequenza. Ogni indirizzo / chiave pubblica ha una “chiave privata” corrispondente di 64 lettere e numeri. Questo è privato ed è fondamentale tenerlo segreto e al sicuro. Le due chiavi sono correlate, ma non è possibile capire la mia chiave privata dalla mia chiave pubblica.
Questo è importante, perché qualsiasi transazione che emetto dal mio indirizzo bitcoin deve essere “firmata” con la mia chiave privata. Per fare ciò, inserisco sia la mia chiave privata che i dettagli della transazione (quanti bitcoin voglio inviare e a chi) nel software bitcoin sul mio computer o smartphone.
Con queste informazioni, il programma emette una firma digitale, che viene inviata alla rete per la convalida.
Questa transazione può essere convalidata, ovvero può essere confermato che possiedo i bitcoin che sto trasferendo a te e che non l’ho già inviato a qualcun altro, collegando la firma e la mia chiave pubblica (che tutti sanno ) nel programma bitcoin. Questa è una delle parti geniali del bitcoin: se la firma è stata fatta con la chiave privata corrispondente a quella chiave pubblica, il programma convaliderà la transazione, senza sapere quale sia la chiave privata. Molto intelligente.
La rete conferma quindi che non ho precedentemente speso il bitcoin eseguendo la cronologia dei miei indirizzi, cosa che può fare perché conosce il mio indirizzo (= la mia chiave pubblica) e perché tutte le transazioni sono pubbliche.


Ancora più complesso:


Una volta che la mia transazione è stata convalidata, viene inclusa in un “blocco”, insieme a un sacco di altre transazioni.
Una breve deviazione per discutere cos’è un “hash”, perché è importante per il prossimo paragrafo: un hash è prodotto da una “funzione hash”, che è un’equazione matematica complessa che riduce qualsiasi quantità di testo o dati a una stringa di 64 caratteri . Non è casuale: ogni volta che inserisci quel particolare set di dati tramite la funzione hash, otterrai la stessa stringa di 64 caratteri. Ma se cambi tanto quanto una virgola, otterrai una stringa di 64 caratteri completamente diversa. L’intero articolo potrebbe essere ridotto a un hash e, a meno che non cambi, rimuova o aggiunga qualcosa al testo, lo stesso hash può essere prodotto ancora e ancora. Questo è un modo molto efficace per dire se qualcosa è stato modificato ed è come la blockchain può confermare che una transazione non è stata manomessa.
Torna ai nostri blocchi: ogni blocco include, come parte dei suoi dati, un hash del blocco precedente. Questo è ciò che lo rende parte di una catena, da cui il termine “blockchain”. Quindi, se una piccola parte del blocco precedente fosse manomessa, l’hash del blocco corrente dovrebbe cambiare (ricorda che un piccolo cambiamento nell’input dell’hash la funzione cambia l’uscita). Quindi, se vuoi cambiare qualcosa nel blocco precedente, devi anche cambiare qualcosa (= l’hash) nel blocco corrente, perché quello che è attualmente incluso non è più corretto. È molto difficile da fare, soprattutto perché quando sei arrivato a metà strada, probabilmente c’è un altro blocco in cima a quello attuale. Dovresti anche cambiare quello. E così via.
Questo è ciò che rende Bitcoin praticamente a prova di manomissione. Dico praticamente perché non è impossibile, solo molto, molto, molto, molto difficile e quindi improbabile.

1 commento

  1. After study a few of the blog posts on your website now, and I truly like your way of blogging. I bookmarked it to my bookmark website list and will be checking back soon. Pls check out my web site as well and let me know what you think.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui